giovedì 3 marzo 2016

L'eterno ciclo delle stagioni e le età dell'uomo


Frigora mitescunt Zephyris, ver proterit aestas,
interitura, simul
pomifer autumnus fruges effuderit, et mox
bruma recurrit iners.

Damna tamen celeres reparant caelestia lunae:
nos ubi decidimus
[...] pulvis et umbra sumus.

[I venti di primavera mitigano il freddo, l'estate, / che a sua volta morrà, travolge la primavera, / e non appena l'autunno produttore di frutti genera le messi, / subito ritorna il pigro inverno. / Tuttavia la luna alla svelta ripara i danni del cielo: / invece quando noi siamo caduti, / polvere ed ombra siamo].