lunedì 11 giugno 2012

Chi sono


Lucano, nato a Melfi (Potenza), mi sono laureato in Lettere alla Scuola Normale Superiore di Pisa, e ho conseguito il Dottorato in Filologia italiana all'Università "Ca' Foscari" di Venezia. Insegnante di Lettere nei Licei, collaboratore di diverse università italiane e straniere, in qualità di filologo dantista, vivo attualmente a Firenze (dopo un'esperienza romana).

aemecca@gmail.com
Angelo Eugenio Mecca su Facebook
AEugenioMecca su Twitter
pagina personale su Academia.edu (pubblicazioni scientifiche online)

sabato 9 giugno 2012

Presentazione di Italia Futura nella provincia di Cuneo



Si è tenuta giovedì sera 7 giugno ad Alba, al Circolo Culturale "San Giuseppe", la prima presentazione ufficiale di Italia Futura nella provincia di Cuneo. Presenziavano all'incontro il Presidente di Italia Futura per il Piemonte, Cinzia Pecchio; il Direttore Mariano Rabino; il nuovo (e primo) responsabile di Italia Futura su Alba Pietro Ramunno, e l'onorevole Gianluca Susta, attualmente parlamentare europeo del PD.
La Pecchio ha esordito sottolineando come scopo precipuo di Italia Futura sia cambiare il metodo dell'approccio politico, senza pretendere di voler cambiare radicalmente temi e programmi: "Non ci può essere niente di veramente nuovo", queste le sue parole testuali, "di nuovo c'è solo il metodo", basato sull'onestà, la serietà e la trasparenza. In giorni come questi in cui il radicalismo di Grillo trionfa, le parole della Pecchio non possono non destare qualche perplessità: sono davvero sicuri gli amici di Italia Futura che basterà rispolverare qua e là senza veramente intaccare il quadro della classe dirigente? Siamo davvero sicuri che i cittadini non siano invece stanchi delle solite facce e pretendano anche uno svecchiamento della classe politica, aprendo in particolare ai giovani e a quanti, in generale, sono meno compromessi con la vecchia classe dirigente? Se è davvero così -come io credo fermamente-, la figura giovane e pulita di un Pietro Ramunno su Alba non potrà che far bene al movimento; la stessa Pecchio, con un'esperienza alle spalle nel mondo imprenditoriale, lontana da ogni precedente esperienza politica, può essere un buon viatico... non così però l'onorevole Susta, che invece ha una lunga carriera politica, dalla DC alla Margherita fino al PD. Mi si obbietterà che bisognerà pure cominciare da qualche parte, che non è possibile azzerare tutto: ma Grillo sta facendo questo, e questo agli italiani sembra piacere, se no non lo voterebbero in massa.